Straordinaria Life, in vetta alla classifica, firma l’1-5 a Petronà

Il selfie della vittoria

La Life mette la quinta. Una domenica da ricordare per i ragazzi di mister Alberto che al “Caligiuri” rifilano un sonoro 5-1 al Petronà e restano imbattuti in vetta alla classifica, affrontando una delle trasferte più lunghe e impegnative del campionato.

Mister Alberto punta ancora sul 4-4-2, schierando dal primo minuto Nagero, Pullano, Pugliese e i fratelli Dushku in difesa, a centrocampo può rifare affidamento sul capitano Catizone, indisponibile nel turno precedente, insieme a Poerio e ai sempre più affidabili Santoro e Folino, mentre il tandem offensivo è composto da Aiello e Dolce. Tempo di incominciare la partita e la Life è già in vantaggio con un colpo di testa del capitano, Catizone, bravo a sfruttare l’assist di Dolce. L’inizio di partita è roboante e Pullano al volo sfiora il raddoppio, ma è il Petronà a pareggiare al 15’ con Berlingeri su calcio di rigore (bravo comunque Nagero a intuire e toccare il pallone) assegnato dal signor Guerriero per fallo di mano di Pugliese. L’equilibrio nel punteggio tuttavia dura pochi minuti perchè dalla giocata di Dolce e Catizone arriva il tap-in vincente di Aiello che sulla respinta del portiere esplode un missile diretto in rete. Passano pochi minuti e Catizone sfrutta un filtrante goniometrico di Santoro e infila in rete un destro a giro che lo porta in testa alla classifica marcatori dei biancoverdi, con tre reti in due partite. Dopo il 3-1 Poerio è costretto a uscire dal campo per infortunio e al suo posto subentra Canino. Nell’intervallo è invece Folino ad abbandonare il campo per aver subito un duro colpo nei minuti precedenti e viene sostituito da Chiarella, che dopo appena due minuti scarsi trova la gioia del gol insaccando con un pregevole stacco di testa il corner battuto da Pullano. La Life dilaga, Santoro cerca due volte di coronare la superba prestazione odierna con una marcatura ma trova sui suoi tentativi la ferma opposizione dell’estremo difensore avversario. Nei minuti finali arriva poi il colpo di grazia, il gol del 5-1, firmato di testa da Dolce su assist di Cosco.

9 punti in 3 partite dunque per la Life che inizia al meglio una settimana complicata, in cui i biancoverdi saranno impegnati per la trasferta di Maida, dove questo mercoledì (04.12.2019) si giocherà il recupero della seconda giornata e per il match casalingo di sabato prossimo contro il Martelletto Settingiano.

Sport

Informazioni su Francesco Antonio Pollinzi

Francesco Antonio Pollinzi nasce a Catanzaro il 20 aprile 1998 ed è attualmente residente a Simeri Crichi. Frequenta le scuole elementari e medie presso l'Istituto Comprensivo Statale "B.Citriniti" di Simeri Crichi e acquisisce il diploma di maturità presso il Liceo Classico "P. Galluppi" di Catanzaro. È attualmente iscritto presso la Facoltà di Giurisprudenza dell'Università degli Studi "Magna Graecia" di Catanzaro. Dal 2012 inizia a scrivere per la Gazzetta dei Ragazzi, dopo alcune pubblicazioni da esterno. È tra i membri più anziani della Gazzetta, e perciò molto presente nei vari consigli direttivi che si sono succeduti: ricopre la carica di redattore per l'anno 2013 e a seguire, nel 2014, quella di caporedattore fino al febbraio 2016. Per il resto dell'anno 2016 è chiamato alla carica di redattore, per poi ricoprire dal novembre 2017 nuovamente la carica di caporedattore (carica in corso). Tra i suoi hobby ci sono principalmente la musica, che coltiva suonando dal 2012 nella banda musicale di Simeri Crichi di cui è segretario, e il calcio, gran tifoso della Juventus e della Life Simeri Crichi. É specializzato nel trattare materie relative a cronaca, politica e sport (in particolare l'automobilismo). Da tradizione è colui che realizza l'articolo di fine anno sul bilancio degli eventi e dei fatti nazionali e mondiali e nello specifico quelli rigaurdanti il comune di Simeri Crichi

Precedente Scuola, Mancuso all’opposizione «si faccia audience con serietà e dati» Successivo Scuola, Convegno sulla storia del Sud Italia. Ai ragazzi un messaggio da Vittorio Emanuele